The Slayers Again Site - UNREGISTERED VERSION

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Re della Città Fantasma # 8

I Romanzi > Slayers

Riassunti dei romanzi della serie "Slayers"
traduzione dall'inglese: Atlas


AVVISO: LA SEGUENTE PAGINA CONTIENE SPOILER!!! SE NON VOLETE ROVINARVI LA SORPRESA E ASPETTARE DI LEGGERE I ROMANZI, IN INGLESE O IN ITALIANO, O IN GIAPPONESE SE LO SAPETE, SIETE AVVISATEVI! NON PRENDETEVELA CON NOI SE VI ROVINATE DELLE SORPRESE LEGGENDO QUI!



Slayers – Il Re della città fantasma # 8

Prima pubblicazione: 10 agosto 1994

Titolo americano: Slayers – The King of the City of Ghosts
Pubblicato il: Gennaio 2008


C’è il ragazzino che sembrava essere morto nella Città di Garria. Egli infilza il suo braccio destro nel corpo di Garv. Poi dice a Lina "Io non ho il cuore, perciò il mio cuore non stava battendo quando tu e Xelloss mi avete trovato steso in strada. Xelloss non ha detto una bugia". Ed egli rivela il suo nome a Lina ed ai suoi compagni: Hell Master Fibrizo. Fibrizo uccide Garv così facilmente che Lina capisce che egli è il demone più potente dopo Ruby Eye. Hell Master influenza la Spada di Luce di Gourry la quale crea molti tentacoli neri per catturare il ragazzo. Fibrizo dice a Lina "Mi prenderò lui e ti aspetterò nella mia città, a Sairarg" e lui e Gourry spariscono.
La mattina dopo, Lina dice a Zelgadiss ed Amelia di voler andare a Sairarg tutta da sola. Zel afferma che lui ed Amelia sarebbero inutili nella battaglia contro Hell Master, ma non possono lasciarla andare da sola, così decidono di andare con lei senza intralciarla. Zel chiede a Lina del piano di Fibrizo perché pensa che lei sappia qualcosa. Ma Amelia afferma di voler andare insieme a salvare Gourry e di non aver bisogno di conoscere i piani di Hell Master. Lina è felice per le parole dei suoi compagni.
Sul loro cammino per Sairarg, Lina viene attaccata da Rashart che ha con lui un altro demone, Mordirag. Quando sembra essere in crisi, irrompono Amelia e Zel e Rashart si ritira con Mordirag.
Tre giorni dopo, arrivano alla Città di Ruard e qui Lina ed Amelia vedono qualcuno somigliante a Fibrizo. Le due inseguono la persona e scoprono che era Rashart che aveva cambiato aspetto. Rashart le intrappola in un campo di forza e le attacca con Mordirag. Lina tenta di contrattaccare con il Ragna Blade ma Rashart lo schiva. Lina taglia il campo con il Ragna Blade, così Rashart si ritira di nuovo.
Passano altri tre giorni. Lina, Amelia e Zel stanno cenando in una locanda, dove poi entra Sylpheel. Quest’ultima dice che sta andando a Sairarg perché ha sentito che lì c’è ancora una città eccetto Flagune. Lina le racconta la storia di Fibrizo e Gourry e Sylpheel dice di voler andare avanti a Sairarg.
Quella notte Sylpheel domanda a Lina cosa farà se la Spada di Luce di Gourry verrà presa da Fibrizo. Lina le ha detto che viaggia con Gourry perché vuole la sua spada. Lina non sa darle una risposta.
Il mattino seguente Sylpheel parte per prima e Lina, Amelia e Zel più tardi. Dopo vengono attaccati di nuovo da Rashart e Mordirag. In battaglia, Lina tenta di castare il Garv Flare ma non ci riesce. Ella capisce che a causa della morte di Garv, l’incantesimo di magia è diventato inutilizzabile. Per confermare la sua tesi, la ragazza casta il Dragon Slave ma scopre che è inutile. Lina lo lancia ancora ed ancora, ma Rashart lo schiva o si protegge del tutto. Alla fine Lina ha perso quasi tutto il suo potere magico, poi Amelia casta il Ra Tilt su Mordirag. Stranamente, Rashart non si protegge da esso e Mordirag muore, così il Generale si ritira per la terza volta.
Quattro giorni dopo, Lina cammina da sola in strada. Ha mandato avanti Zel ed Amelia. Rashart appare e la attacca. Lina casta il Dragon Slave e corre verso il generale con gli occhi chiusi. Rashart esita ad infliggerle un colpo fatale e Lina lo taglia con il Ragna Blade. Lei sapeva che Rashart era una pedina di Fibrizo ora che il suo creatore è morto. Gli era stato ordinato di opprimere Lina ma non di ucciderla. Così ha fatto andare avanti i suoi compagni ed ha affrontato il generale tutta da sola.
Finalmente Lina arriva a Sairarg e scopre che c’è una città. Qui incontra di nuovo Sylpheel. Lina è preoccupata per Zel ed Amelia perché si sono separati da due giorni. Inoltre ella ha dei sospetti sul grande edificio nel centro della città. Questo è largo e senza finestre o porte. Lina tenta di tagliarne il muro con il Ragna Blade ma prima che reciti l’incantesimo, appare una porta di fronte a loro. Lina ci entra, solo per scoprire che si ritorna sempre all’entrata. Lina e Sylpheel si recano al santuario ed incontrano il capo sacerdote, il padre di Sylpheel. Questi dice loro che non è in grado di parlare di quell’edificio. Lina sa che questo ha a che fare con la sua posizione di capo sacerdote.
Sylpheel teme che Fibrizo vuole che Lina casti il Giga Slave e che mandi l’incantesimo fuori controllo ingoiando il mondo intero. Lina dice di non poter abbandonare Gourry, così le ragazze si dirigono insieme all’edificio al centro della città. Questa volta trovano la porta aperta e possono entrare attraverso di essa.
Poco dopo incontrano Fibrizo. Questi dice che Gourry si trova nel livello più basso del suo "tempio" e che egli vuole mostrare qualcosa a Lina. Si tratta di un gioco di Fibrizo con Zel ed Amelia. Egli dice loro che che non li attaccherà e che loro possono attaccarlo con qualsiasi magia offensiva. Se riescono ad ucciderlo, Gourry sarà liberato e se non ci riescono capiranno solo che nessun umano può uccidere Hell Master. Fibrizo vuole mostrare a Lina questo gioco per dirle che, per ucciderlo e salvare Gourry, lei può solo usare il Giga Slave.
Fibrizo può rendere un Ra Tilt inutile semplicemente con il pensiero. Zel e Amelia provano molti incantesimi ma il demone è troppo forte. Lina e Sylpheel vedono lo spettacolo sui muri di cristallo del tempio e corrono giù per le scale dai compagni. Alla fine arrivano alla stanza del gioco e Lina casta un Dragon Slave a Fibrizo ma anche quello è inutile. Poi anche Sylpheel lancia un Dragon Slave a Hell Master. Quest’ultimo non se lo aspettava così viene colpito. Poi Zel ed Amelia castano allo stesso tempo il Ra Tilt su Fibrizo ed il bambinesco demone scompare.
Gourry viene liberato di fronte a loro ed il gruppo risale le scale. Poco dopo Lina viene intrappolata in un subspazio con Fibrizo e davanti ai suoi occhi il demone manda indietro la Spada di Luce al suo creatore, Dark Star. Dopodichè imprigiona Gourry, Zel, Amelia e Sylpheel nel cristallo. A Lina non è rimasto nulla da fare se non usare il Giga Slave.
Lina tenta di usare una versione imperfetta del Giga Slave ma Fibrizo riesce a proteggervisi. Egli replica che deve uccidere Gourry, prima che Lina inizi a recitare l’incantesimo corretto del Giga Slave. Poi l’oscurità ed un vuoto mortale la avvolgono. Sta tentando duramente di mantenere il controllo ma perde conoscenza.
Fibrizo vede che Lina cerca di controllare il Giga Slave e che tiene una sfera d’oscurità nella sua mano sinisrta. Ella potrebbe usarlo per uccidere Fibrizo ma questi le rivela che il cibo che lei ha mangiato a Sairarg è una parte di se stesso. Il demone usa questa sua parte in Lina per farla a pezzi -- ma lei resuscita di colpo! Allora Fibrizo si rende conto che non è più Lina ma Lord of Nightmare chi gli sta di fronte. LoN usa l’oscurità nella sua mano per uccidere Fibrizo ma, trovandosi all’interno di Lina Inverse, un’umana, può usare solo una piccola parte del suo potere. Fibrizo tenta disperatamente di sfuggire a LoN. Quest’ultimo è deciso ad ucciderlo e finalmente Hell Master lancia un grido di morte.
Lina si sveglia sul fondo di un enorme voragine. Era il luogo dove si tovava prima Flagune. Xelloss appare innanzi a lei e le chiede cosa è successo. Lei gli dice di aver perso il controllo del Giga Slave e che LoN si è impossessato di lei. Lina sa che Lord of Nightmare è la madre di tutte le cose, perciò egli non è solo il re dei demoni ma anche il re degli umani. LoN era in collera con Fibrizo perché questi lo aveva attaccato ed ha usato tutto il suo potere per ammazzare Hell Master. E’ riuscito ad ucciderlo, ma ha perso il potere di continuare a possedere Lina ed è tornato nel suo mondo. Lina non ha vinto la partita, è solo sopravvissuta.
Xelloss saluta Lina sperando di non doverla incontrare di nuovo. Lina sospetta che il demone odiasse il piano di Fibrizo e lo stesso Hell Master. Andatosene Xelloss, Gourry, Amelia, Zelgadiss e Sylpheel si svegliano.
Amelia torna a Saillune per divulgare la notizia della caduta di Hell Master. Zelgadiss riprende il viaggio per trovare la sua cura. Sylpheel se ne va a Saillune per diventare una sacerdotessa sperando che un giorno potrà ricostruire Sairarg. Lina e Gourry iniziano il loro viaggio per trovare una nuova spada magica per quest’ultimo.



 
Torna ai contenuti | Torna al menu