The Slayers Again Site - UNREGISTERED VERSION

Vai ai contenuti

Menu principale:

Robber Killer

Traduzioni > Romanzi > Slayers Special # 1

Slayers Special #1 - Robber Killer
Traduzione in inglese a cura di Fighting Dreamers Scanlations
Traduzione in italiano di Sabu-chan


[scarica QUI il formato PDF di questa storia]


Le ombre nere danzavano nel buio.
Gli uomini si precipitarono verso il letto all'unisono. Innumerevoli lame annerite si sollevarono...
"Flare Arrow!"
Con il suono della mia voce, un disparato numero di fiammeggianti frecce apparirono davanti ai loro occhi.
Si irrigidirono sul posto.
"Andiamo!"
... si concluse istantaneamente.
Ed era colpa loro per aver sottovalutato i poteri di me, la grande Lina Inverse: il soldato e la maga. Sono stata oggetto di molte incursioni notturne non ho mai potuto abbassare la guardia.
Solitamente, se qualcuno volesse attaccare una persona nel sonno, anche se fosse un avversario di livello molto più alto, potrebbe sconfiggerla facilmente. E se detto attaccante ha una lama dalla sua parte, si può solo immaginare a che punto di vantaggio è contro una donna che dorme.
... ma tutto il gioco cambia se lei è una maga.
Fino a quando lei ha un numero sufficiente di punti magia in serbo, può facilmente mormorare un incantesimo di contrattacco abbastanza potente da deviare un attacco notturno - anche nel sonno.
Il trucco che ho usato contro gli assassini proprio in quel momento era un esempio di questo. Mi svegliai, sentendo intenti omicidi dall'altro lato della mia porta, poi iniziai subito a richiamare il mio incantesimo.
Ma rimasi sorpresa che gli uomini potessero muoversi in modo così rapido... Ciò significa che Elena nella stanza accanto era in pericolo!
Mi sedetti sul letto, scivolai nel mio mantello, recuperai la mia spada e attrezzatura e corsi nel corridoio. E proprio davanti a me c'era un uomo avvolto in un mantello nero. E dietro la porta della stanza di Elena, ho potuto sentire i suoni di spade scontrarsi l'una contro l'altra.
"Prendi questo e corri!" urlai all'assassino, appena lancia la mia spada corta appena sguainata in sua direzione.
"... Eh ... ?!" Con voce sorpresa, acchiappò distrattamente la spada. Poi ...
Un attimo dopo, il mio ginocchio volò dritto sul plesso solare dell'uomo. Appena il nostro piccolo amico assassino perse conoscenza, recuperai la mia spada. Se avete intenzione di fare la prima mossa in una lotta, è meglio disorientare il nemico.
Anche se sa che sono il suo nemico, se gli parlo in questo modo di sicuro afferrerà ciò che gli lancio.
Mi precipitai nella stanza di Elena. Grazie dea, è salva. Non ero sicuro di come avrebbe voluto a scappare, ma era ancora a letto, con le spade dei due uomini aggrovigliate l'una all'altra. Era un trucco che non si vede tutti i giorni.
Penso che mi piacerebbe darci un'occhiata...
È quello che ho pensato per un momento, ma non ne avevo il tempo. Dopotutto, lei era il mio cliente.
"Digvolt!" mandai un fulmine attraverso la mia spada e feci volare gli uomini. I due assassini caddero a
terra con leggere e graffianti - niente vicino al mortale- ferite.
"Grazie mille, Lina-chan!"
"Non importa ora! Prendi le tue cose! Dobbiamo di lasciare questo posto!"
Entrambe le porte sulle nostre camere erano state bloccate.
A meno che uno degli assassini fosse stato anche un abile ladro, ciò avrebbe dovuto significare che uno del personale della locanda aveva cospirato in segreto con loro...
In entrambi i casi, quellaa struttura non era più sicura.
Corremmo nel corridoio. Innumerevoli uomini in mantelli neri erano nella sala da pranzo oltre l'entrata. Ne stimai diverse decine.
"Chiudi gli occhi!" urlai a Elena. Senza aspettare la sua risposta, richiamai il mio incantesimo.
"Oh, luce!" chiusi gli occhi e rilasciai l'incantesimo. La magia di "illuminazione" è in grado di inviare una raffica di luce per una particolare durata e resistenza. Più breve è  la durata, più è potente. Quello che avevo appena rilasciato era un lampo di luce con una durata pari a zero in tre esplosioni consecutive!
Gli assassini gridarono.
Un lampo di luce accecante bruciò i loro occhi.
Non appena scomparve la luce, tornammo a vedere e scivolammo tra gli assassini intorno a noi e uscimmo dalla porta della locanda. Forse non avevano mai pensato che saremmo fuggite dall'edificio - non c'erano guardie fuori.
L'alba si stava avvicinando mentre correvamo giù per la strada principale. Appena raggiungemmo la battigia, fummo finalmente in grado di riprendere il nostri respiro.
Il fuoco del faro si spense e la linea del mare si tinse di rosso.
E dell'alba apparve sopra Raurua, la città portuale.
"Guarda!" La voce di Elena mi riportò di nuovo duramente alla realtà proprio mentre stavo iniziando a perdermi nella bellissima alba.
Guardai dove stava indicando e rimasi a bocca aperta. Nel centro della città, colonne di fuoco si innalzavano verso il cielo.
Provenivano dallla locanda da cui provenivamo.
Acccccck!
Ah ... .ahhhhhhhhhh! Oo-oops, forse era meglio se non avessi usato le mie Flare Arrows...
Devo trovare una copertura!
"Che orribili bastardi!» Gridai. "Come hanno osato dare fuoco alla locanda dopo averci attaccate!"
Okaaaay! Ora che significa che il cattivo in tutto questo pasticcio sono i ragazzi dei "Dark Wolf"!


***

Il mio lavoro questa volta era quello di distruggere i banditi di "Dark Wolf." Non era esattamente un concerto fascinoso, ma decisi di accettare il posto di lavoro, per due miei motivi umanitari.
La mia prima ragione: io amo sconfiggere cattivi senza dare loro la possibilità di chiedere pietà.
La mia seconda ragione: non riuscivo a perdonare "Dark Wolf" per darsi un tal nome cliché. Nemmeno le ex saghe popolari avevano un nome così stupido come quello!
... Ora che vedo le mie ragioni in fila in questo modo, credo che non posso dire che siano esattamente "umanitarie", ma non ho tempo da perdere a rimuginare sulle le mie ragioni. Non potrò mai diventare una stella in questo modo!
Inoltre, sono venuta in questa città ieri a mezzogiorno a cercare la loro base segreta di cui il mio datore di lavoro, Elena, mi aveva parlato. Non sapevo esattamente dove era la loro base in questo luogo così ho chiesto in giro qua e là ... il che probabilmente spiega il motivo per cui sono stata attaccata da assassini nella notte.
Sembra che i banditi hanno più sostenitori nascosti in questa città di quanto mi aspettassi.
Elena, una ragazza circa ventenne con i bei capelli neri, mi ricordava la mia sorella maggiore dal mio luogo di provenienza. La lunga spada appesa alla cintura rovinava un po' l'immagine ma, per quanto ne sapevo, in realtà poteva essere una combattente piuttosto abile.
Sono un po 'preoccupata per quando mi ho chiesto di risparmiare i banditi - sono sicura che lei aveva una sorta di motivo personale dietro solo non mi oso a chiedere. Ognuno ha un segreto o due non dovrebbe essere rivelato. Sono sicuro che me lo direbbe lei se ne avesse voglia.
"Ma... mi piacerebbe molto risolvere questo problema al più presto..."
Ingoiai le parole che minacciavano di strisciare fuori dalla mia bocca.
... Quante altre locande saranno rase al suolo? Non posso dirlo ad alta voce.
Il sole faceva capolino all'orizzonte accompagnato da una brezza fredda da primo mattino.
Fu stato allora che notai una cosa per la prima volta: stavo facendo tutta l'eccezionale e dicevo queste frasi impressionanti ... indossando il mantello sopra il pigiama.

***

"Beeeeneeee, che bella giornata che è oggi," dissi con una forzata voce alta appena entrammo nella principale
strada della città. Il volto di Elena, la personificazione della serietà, teneva lo sguardo attento a ciò che ci circonda, pronto all'azione da un momento all'altro.
Tornammo al noioso compito di chiedere riguardo il covo di Dark Wolf. Alla domanda su Dark Wolf, la gente avrebbe dovuto darmi qualche risposta, anche se sapevano che eravamo lì per distruggerli. E se fossi stata certa che stavo interrogando qualcuno che non voleva rivelare informazioni, avrei potuto tirargliele fuori.
Camminammo fianco a fianco per le strade luminose: una maga con indosso un lungo mantello nero (e non con il pigiama sotto, nel caso ve lo stiate chiedendo), e una donna soldato nervosa con una lunga spada al fianco. Questo era  uno spettacolo piuttosto insolito per la città. Mi aspettavo una sorta di reazione sospetta dagli abitanti del villaggio...
E invece...
"Heyyyylà, ragazze. Venite qui spesso?"
...Abbiamo ottenuto una specie di reazione piuttosto inaspettata. Due giovane uomini dalla pelle ambrata improvvisamente ci chiamarono.
Potrebbe aver pensato che eravamo turiste. Anche se avere un appuntamento non era in programma nella giornata,  decisi di prendere vantaggio della situazione e ottenere alcune informazioni da loro.
"Ohhhh, no, siamo qui per la prima volta. E oh mamma miiiiaaaa, ma ci siamo perse, "dissi con una forzata voce acuta, facendo una posa da dolce ragazza carina.
"Beh, saremmo lieti di farvi fare un giro, ragazze. Dai."
"Ohhh, grazie! Voi grandi, forti uomini, ci avete salvate. Non riusciamo a trovare la nostra strada. Abbiamo bisogno di trovare Dark Wolf, per faaaavooooreeee?"
Appena dissi ciò ... lo scenario si bloccò per un istante. Il vecchio uomo che camminava in nostra direzionei, la signora che vendeva fiori all'angolo, tutto improvvisamente divenne di un silenzio mortale. Anche i volti degli uomini dalla pelle ambrata furono trasformati in un impressionante bianco-bluastro, per poi voltarci rigidamente le spalle.
"Uh ... non so dove sia ..." mormorò finalmente uno di loro con voce tesa.
"Non so niente, okaaaaay!!"
Gli uomini schizzarono via, senza dire nulla di più.
Tutti intorno a noi seguirono l'esempio e si mescolarono con ansia andandosene.
"Ahhhh, Lina, sembra che abbiamo spaventato tutti."
"Hmmm ... Beh, non è che una cosa buona?"
Con questo, sono sicura che la parola arriverà a Dark Wolf. Ora tutto quello che dobbiamo fare è aspettare. Se ci dirigiamo verso un luogo senza persone, sono sicuro che Dark Wolf verrà a noi.
Sì, molto presto ...
... Il momento di usare i miei amati  incantesimi d'attacco arriverà!
... Anche se ebbi la sensazione di sbagliarmi.

***

Corremmo lungo una bianca strada lapidata parallela al mare blu. Le case di lusso allineate lungo la strada erano probabilmente le case vacanze di alcuni importanti ricchi signori. Non c'erano persone su questa strada nel pomeriggio.
Era un luogo ideale per una bella, romantica passeggiata....
O lo sarebbe stato se non avessimo avuto a che fare con il nostro problema poco romantico.
Sì, chi ci aspettava alla fine della strada erano cinque uomini, ammantati di nero.
"Si dice che stiate cercando di trovare la roccaforte di Dark Wolf," disse uno degli uomini. Sembrava il leader del gruppo di assassini, anche se non riuscivoa scorgere molto dal suo volto coperto.
"Sì, siamo noi. risposi con un sorriso piacevole "Potrebbe portarci lì?"
"... Mi dispiace." disse il capo e tutti e cinque estrassero le spade.
"Sappiamo dov'è  la roccaforte.... Ma noi, i Fratelli Zores, siamo in grado di guidarvi in un solo posto...  all'inferno."
Ora, naturalmente, avrei potuto solo scatenare un semplice incantesimo Fireball e prendermi cura di loro con un colpo solo, ma poi non avrei mai trovato la roccaforte dei banditi. Per portare a termine il mio progetto dovevamo procedere assieme a loro.
"Attaccate!"
Tutti gli uomini si diressero verso di noi. Elena ed io estraemmo le nostre spade. Gli assassini si sparpagliarono per formare un cerchio intorno a noi. Elena e io eravamo in piedi al centro del cerchio, schiena contro schiena.
"Tenete a mente tutto ciò mentre morite, la mossa caratteristica dei Fratelli Zores, Rondo della morte!"
Il loro cerchio ruotò in senso orario, velocemente intorno a noi. Ci spostammo di un paio di passi di distanza l'una dall'altra, le spade sollevate. Ogni volta che ci spostavamo, il cerchio di uomini in corsa si muovevano con noi.
Gli uomini aumentarono la loro velocità. Dal momento che tutti indossavano gli stessi vestiti, finirono per sembrare la grande sfocatura di un solo uomo. Pareva difficile giudicare quando uno di loro stava per attaccare con la spada.
Ma conoscevo un incantesimo che si adattava bene questa situazione. Cominciai a incantare a labbra strette.
Ma proprio allora...
"Ngh!" Uno degli uomini si scosse e cadde a terra.
"Cosa c'è che non va?!"
"Fratello! In piedi! "
Gli altri quattro uomini si precipitarono su di lui in preda al panico.
Tutto quello che potevamo fare era stare a fissare senza capire.
"E 'inutile ... Se n'è andato ..."
"No! Come ?! "
"... è stato un attacco di cuore."
Smack!
Elena ed io venimmo spinte molto lontano.
"Hmmmm ... Ora che me lo dici, lui aveva un cuore debole ..."
"Probabilmente si è spinto troppo oltre con il lavoro."
A... aveva una malattia al cuore? Nessun assassino dovrebbe avere una malattia del cuore!
"Si è spinto troppo oltre col suo lavoro."
Certo che l'ha fatto.
I quattro uomini si stringevano nelle spalle, si allontanarono da loro fratello caduto e si voltarono con occhi abbaglianti verso di noi.
"... Come avete osato a uccidere il nostro fratello, mezze streghe!"
"Non abbiamo fatto niente."
"Marmocchie impudenti! Ci vendicheremo per nostro fratello - tenetevi forte!"
...Indipendentemente da chi ha ucciso chi o quale di loro fosse l'impudente, una cosa era piuttosto chiara: cercare di ragionare in modo logico con idioti che cadono automaticamente alle loro conclusioni sono la suprema autorità su tutto... è inutile.
Il gruppo dei quattro fratelli cominciò a girare di nuovo in tondo attorno a noi. Non mostrarono segni di cedimento.
"Arrrrgh! Mega Brand! "
Un'ondata di polvere danzò sul terreno dove Elena ed io eravamo, proteggendoci dalle mani degli uomini, visto che il turbinio polverono si innalzò intorno a noi verso il cielo.
Nessun singolo uomo fu risparmiato.
"Yarrrrgheeeee!"
Liberando questo strano suono che doveva essere un urlo, gli uomini furono trascinati in alto da questo vortice sporco per un po', fino a quando tutto si schiantò al suolo.
Stavo cercando di conservare i miei poteri magici, in modo da non ucciderli, ma ero sicura che avessero perso un sacco della loro potenza di attacco.
... Beh, che la questione è chiusa oggi.

***

"Pensavi davvero che ti avremmo detto tutto?"
Gli uomini, legati con una corda, sorrisero minacciosamente verso di noi.
"Finirai per dircelo. Oppure..."
Nemmeno le minacce di Elena aveva sortito l'effetto desiderato.
Con i loro sorrisetti derisori sul viso, un altro uomo intervenne: "Altrimenti... che cosa? Oppure due ragazze carine vorrebbero torturarci? ...una grassa occasione. Conosco di che genere siete. Siete due paladine della giustizia che sono venute qui per scacciare i banditi."
"Non potresti mai torturare nessuno."
I quattro uomini risero all'unisono.
"...Oh, io credo che ci sia un malinteso», dissi grattandomi la mia testa. "Io non so la mia compagna qui, ma io non sono una di quel genere."Paladine della giustizia 'glorificati, come hai detto tu. Sono solo una nemica del male, ecco tutto."
"Mah. Questa ragazza sciocca pensa che ci può spaventare vestendosi come uno stregone e parlare grosso."
"Hmmm ..." decisi di cambiare tattica e di usare il potere del mio nome.
... di solito non mi piace adottare questa tattica, purtroppo ...
"Beh, lasciate che vi chieda questo, allora. Avete mai sentito parlare di Lina Inverse?"
Gli uomini si guardarono sorpresi per l'improvviso cambio di argomento, ma risposero: "Sì, solo voci però. Abbiamo sentito che lei ha sangue freddo e va a caccia di banditi. Ho sentito la sua famiglia è stata uccisa dai banditi. Inoltre, lei
dovrebbe essere una specie di giovane ... Ho... sentito... "
La voce dell'uomo si spense, lentamente gli occhi si opacizzarono dalla paura.
Probabilmente hai capito chi sono adesso ... Ma perché devono arrivargli tali menzogne come pettegolezzi? L'ultima volta che ho controllato, la mia famiglia non era stata uccisa dai banditi. Chi potrebbe anche solo provenire da una famiglia distorta come quella?! Ma questo malinteso è troppo dolce per non sfruttarlo.
"... Tu assomigli a lui... a colui che ha ucciso mio fratello..." dissi freddamente. (Per inciso, non ho un fratello... ma questo aveva avuto l'effetto che avevo sperato.)
I quattro uomini presero a gridare tutti in una volta.
"A... aspetta, significa che sei..."
"Lina, colei che è incrociata con un drago, la Killer di Banditi!"
"A-aspetta! Parleremo! Vi diremo tutto quello che c'è da sapere, solo per favore non ci utilizzare per cibo da chimera!"
"Per favore! Fa 'di me ciò che vuoi, ma ti prego di risparmiare la mia famiglia! Mia moglie e mia figlia non centrano con questo! "
"Ti prego! Si, bella signora! Per favore, non farlo! Oppure... oppure..."
...Sniff, sniff, ohhh, quello che dolce commedia. Mi chiedo quali altre voci fantasiose stiano circolando su di me...
Beh, forse preferisco non saperlo. Sono una grande maga spaventosa!
"Ecco, ora in primo luogo dovreste collaborare un po'."
Non mi sentivo molto orgogliosa di quel momento, ma indurli a parlare era quello che desideravo. Così ho deciso di continuare con la sceneggiata della grande e spaventosa maga.
"A proposito... La cosa de 'la Killer di Banditi' va bene e tutto, ma da dove viene questa cosa del 'colei che è incrociata con un drago'?"
"P..." balbettò l'uomo. "Perché perfino i draghi pensano che tu puzzi..."
CRACKLE.
Il mio gomito si connettè fortemente con la parte superiore della testa dell'uomo.

***

"Capisco ... sicuramente qualcuno potrebbe pensare che questo sia un ingresso."
Elena ed io stavamo osservando qualcosa di biancamente e dignitosamente alto. Il faro del capo.
C'era una parete interna della porta d'ingresso, e c'erano scale a spirale che continuavano sulle pareti esterne di un osservatorio. E anche all'interno della parete interna, che sembrava portare alla base sotterranea di Dark Wolf.
Il luogo era totalmente fuori di carattere con l'immagine di una base di ladri. Comunque si può anche usare come torre di guardia, così da poter guardare oltre la città a prima vista.
"Beh, allora farò svanire tutto insieme al faro con un forte incantesimo di attacco, e lascerò che tutti i membri della banda ne rimangano sepolti vivi..."
"Non-"
L'ho detto con più della metà della serietà, ma rispose chiaramente con un tono tranquillo. Fece così pur continuando a guardare in alto nel faro.
"Con il loro capo... avrei dovuto ucciderlo con le mie mani..."
Dopo tutto aveva un motivo. Oh, questo è terribile! Presi un breve respiro.
"In questo caso, non abbiamo alternativa: dobbiamo entrare!"

***

Il lungo corridoio era fiocamente illuminato da un denso muschio luminoso sulle pareti e sul soffitto. L'aria umida e fredda emanava un odore di ferro arrugginito. Su tutta la sua superficie, vi erano graffiti come se ci trovassimo nel bel mezzo di una città. In qualche modo, secondo il racconto dei fratelli, e dai segni, quella grotta sotterranea era stata usata come deposito. Sopra una sezione ristrutturata, era come se il tunnel fosse stato scavato soprattutto per collegarlo al piano seminterrato del faro. Questo era estremamente fastidioso.
"Hm?"
Elena-san e io ci fermammo, completamente in sintonia.
"L'aria si sta..."
"Muovendo."
Appena detto, entrambe cominciammo ad ispezionare le pareti.
«Ecco!» gridai. C'erano strisce nere che si estendevano lungo una porzione delle pareti nascoste dal muschio luminoso. Era abbastanza grande da essere della dimensione di una porta. Indagando ancora un po', c'era qualcosa come un interruttore camuffato appena poco lontano a terra. Niente di originale, ma aiuta a velocizzare il racconto. Azionando l'interruttore, la porta lentamente si muoveva nella stanza. Noi due premute contro le pareti ai lati della porta, sentendo una presenza minima all'interno. Guardai in. All'interno della piccola stanza c'era una sola porta sulla parete destra.
"Non sembra che ci siano delle persone, ma..." dissi non appena feci un passo nella stanza. Elena-san mi seguì. "Non sappiamo che tipo di trappole ci potrebbero essere. Fai attenzione a dove vai" Lo dissi appena che--
guuuoooo...
Ci fu un rumore sordo.
Una sezione del muro venne fuori, e stava lentamente muovendo verso di me, ma- Originariamente il segmento di muro in movimento avrebbe dovuto schiacciare tutti gli intrusi. Si trattava di quel genere di trappola. Ma o era difettoso o si era deteriorata con l'età, perché la si poteva oltrepassare senza alcun impedimento. Tuttavia questa volta-
"Attenta, Lina-chan!"
C'era una trappola. Cioè, si trattava di Elena che si sarebbe tuffata per salvarmi.
"Dwaahh! Tu...! "
Incespicai di alcuni passi nel tentativo di fermarmi.
Lì, sotto i miei piedi, un buco apparve.
"Oops."
Guardai Elena in piedi sul bordo del foro, non sapendo cosa fare e quindi assumendo una posa carina, mentre cadevo nell'abisso.
'Oops' un corno! Stupida melanzana!" Le mie urla scomparvero nel buio.

"Hey. Mi dispiace per averti fatta aspettare! "
Andando contro ogni aspettativa, come se cadere non fosse stato per nulla un problema, riuscii a tornare in prima linea. Proprio in quel momento, Elena era nel mezzo di un combattimento contro la melma che veniva usata come cane da guardia.
"Lina-chan! Stai bene?! "
"Certo!" Dissi con un sorriso e un occhiolino.
Le spade non funzionano contro gli slimes, ma forse qualche tipo di droga magica sì. Appena furono toccate dalla polvere che diffuse tutt'attorno, le apparentemente infinite slimes furono in preda al panico e se ne andarono. Stava funzionando, stava funzionando ...
"Questo è incredibile ... Cosa diavolo è quella polvere?"
"Sale". disse con noncuranza.
Blackout.
"Questa è una città portuale. L'ho comprato perché era economico e ho istintivamente pensato... Cosa c'è che non va, Lina-chan? "
Ascoltando il suo discorso, che minava completamente l'idea di affrontare uno slime, mi accovacciai e afferrai la mia testa. Con grande vigore. Queste sono le parole di cui abbiamo bisogno in questo momento. Per le moltitudini di ladri media, sono raid, calci, abbattere, distruggere, sbudellare, e va ancora forte Lina Inverse!... d'altra parte, è perché ho sempre fatto cose del genere che spuntano così tante voci estreme. Ho un po' di autocoscienza.
Però 'mai dilungarsi sulla autocoscienza' è il mio motto!
Tralasciando tutto ciò, era giunto il momento di mettere i Dark Wolf sotto scacco. Davanti a noi c'era una grande porta e la tensione saliva alta.
"Quindi è questa stanza, eh?" Alla mia affermazione, Elena-san annuì in silenzio.
"Sto per aprirla."
"Prima di allora, Lina-chan, c'è una cosa che voglio mettere in chiaroi. Ho intenzione di sconfiggere il loro boss. Ti sto seriamente chidendo di non interferire. "
"... Capisco."
Lentamente, spinsi la porta.
E più facilemente di quanto pensassi, apriva verso l'interno.

***

"Allora, sei venuta..."
Proprio come pensavo, era un solo uomo in attesa all'interno di un'ampia camera insapore. Era alto e biondo, che era un fattore comune, ma ricordava l'immagine di una tigre, flessibile nel suo comportamento feroce. La sua scimitarra nuda era sollevata, emettendo una luce silenziosa.
"Ci incontriamo di nuovo, Teeth."
"... Eh? Con quella frase da Elena-san, spostai immediatamente lo sguardo a lei.
"Così eri tu... mi pareva di aver sentito parlare di una donna ficcanaso da queste parti..." L'uomo conosciuto come Teeth sorrise misteriosamente. Uhm... Se possibile, mi piacerebbe saltare i racconti visto che eravamo solo in due...
"Non avrei mai detto che eri un bravo bambino ubbidiente allora, ma... non ho mai pensato che saresti tornato diventando il capo di una banda di fuorilegge." Percepii della tristezza nelle parole di Elena.
"Perché dovresti..."
"E così che sono andate le cose. Non avevo alcun controllo sulla vicenda. E 'iniziata a formarsi nella mia testa quando ero solo un monello, avere una vita egoista come alcuni fuorilegge pretenziosi... Prima di rendermene conto, mi ero ritrovato ad essere il capo di una banda di fuorilegge. Beh, davvero non ci puoi fare niente se è andata così."
... Beh, certo che questo ragazzo aveva avuto un assaggio del mondo.
Ma almeno in questo modo giunsi a trovare una spiegazione a tutta la composizione: Due amici d'infanzia, ragazza e ragazzo. Il ragazzo prende una strada sbagliata e ora è il boss dei banditi. La ragazza non sa cosa fare e si schiera contro il ragazzo. E così, non essendo in grado di convincerlo, potete immaginare la vostra propria conclusione.
Non vuoi tornare ad essere un uomo onesto?"
"... È impossibile a questo punto." Teeth fece un sorriso autoironico. Sentendo la sua risposta, Elena-san fece un respiro profondo.
"Non c'è altra scelta... se non  porre fine a questo."
"Sembra così..."
I due presero a correre allo stesso tempo, le loro spade scintillarono.

***

Facendosi scudo con Teeth che incombeva, Elena-san allungò la gamba destra. Tetth balzò per evitare di inciampare.
La seguì con un affondo, ma lei respinse la scimitarra. Il seguirsi di attacco e difesa continuò a lungo.
Mentre mi prendevo cura dei banditi, che ogni tanto scendevano lì come se improvvisamente avessero ricordato qualcosa, osservai la lotta tra i due.
Le loro abilità erano praticamente uguali, anche se nessuno di loro erano molto forte nella tecnica.
L'esitazione stava smorzando le loro spade, ma nessuno di loro sembrava rendersene conto.
... Hm. Ma se va avanti così ci può essere qualche speranza.
Probabilmente avevano egual fegato, tuttavia, quando si tratta di forza fisica e resistenza, Teeth la superava di gran lunga.
Ogni volta che le loro spade si incontravano, lentamente ma inesorabilmente, la quantità di velocità e potenza di spada di Elena-san diminuiva.
Anche i suoi movimenti per parare i colpi del suo avversario erano velati da un'ombra di stanchezza. In poco tempo, questa lotta sarebbe diventat un cerchio senza fine di mosse difensive. Gocce di sudore le si formano sulla fronte.
Stava iniziando a perdere il suo equilibrio.
Clang!
La spada volò lontano dalla sua mano. Allo stesso tempo, i suoi piedi scivolarono e lei andò a cozzare a terra.
Un vincitore era deciso.
Teeth teneva alta la sua scimitarra, la sua mano si fermò.
Il tempo passava come se stesse cadendo all'interno di una piccola clessidra.
Doveva aver capito i suoi veri sentimenti.
Non poteva ucciderla.
Era troppo.
"Va bene, va bene, ci siamo dilungati troppo." dissi battendo le mani.
Teeth-san mi guardò, ma sapevo che stava tirando un sospiro di sollievo.
"Alla fine, questo è il risultato, perché anche un boss bandito come te non vuole farlo. Giusto? "
"...Ah ...beh, se lo faccio in questo modo non posso davvero darle una morte nobile..." disse con un sorriso ironico. Elena-san si alzò e lo guardò con torpore.
"Allora smettila. Sii un vero capo."
"Non dire così con tanta leggerezza. Anche se ho detto che tutto è finito qui, ciò non significa che i miei amici al piano di sopra stiano per venire a dire lo stesso!
Capito!" mi battei il mio petto.
"Andrà tutto bene. Faremo in qualche modo!"
"... Come?"
Invece di rispondere, lanciai un incantesimo.
"Elmekia Lance!"
Una lancia di luce squarciò l'aria e trafisse Teethi-san direttamente al petto.
"Gwaah!"
Volò in aria, colpì un muro, e smise di muoversi.
"Ahhh! Che cosa hai fatto al mio Teeth?! "
Elena-san mi afferrò per la parte posteriore del collo e si strinse intorno.
"Cough ... fa male ... tenere ... Ele ... san ...smet ..."
Appena fui in grado di divincolarmi dalla sua stressa, iniziai a tossire violentemente. Ah... faceva male.
Ma ora lei avrebbe dovuto capire le mie vere intenzioni.
Non avevo voglia di sbarazzarsi di lui.
"Non è morto, non è morto." dissi.
"Questo incantesimo è un Elmekia Lance. Dal Piano Astrale, ci vuole l'energia dell'avversario in base alla sua volontà di vivere e- Aspetta, che è un po 'troppo complicato. In sostanza, Teeth-san subisce una improvvisa comparsa di debolezza temporanea, e poi svienei. Ora, se qualcuno dovesse dargli una costante supervisione e curarlo con tutto il cuore, si rimetterà entro un mese. " dissi alla ragazza che mi fissò come se non capiva perchè glielo dicevo.
"Ascolta. Sei venuta qui per salvare il tuo amico d'infanzia che era stato catturato dai banditi. E 'stato effettivamente controllato dal vero boss dietro le quinte, così tu l'hai salvato e io ho sconfitto il boss. Mentre era svenuto, abbiamo poi rifiutato di unirci alla banda di fuorilegge perché il loro boss era arrabbiato per il servizio ricevuto. Già,manteniamo questa storia. Se Teeth-san ne parla, noi gli diciamo di fare in modo che nessuno contraddica nessun altro. E, naturalmente, ci saranno persone che non ci crederanno, ma quando arriveramo a quel punto, diremo soltanto 'Io penso solo che Lina Inverse ebbe pietà di lui in quanto capo dei banditi' o qualcosa del genere."
"Ma se non riescono a trovare il corpo del capo e cominciassero a credere che il vero capo è il ragazzo che ho salvato, non importa quello che vedranno..."
Per il commento di Elena-san mi colpii il petto.
"Cosa stai dicendo? Tutto andrà bene, purché ci limitiamo a creare una situazione in cui non sarebbe strano per il boss se ne sia andato. Facile, facile. "

***

"Improvvisamente, Dragon Slave!"
Ci fu una gigantesca esplosione in collina. Tutti gli alberi svanirono ed un foro gigante fu aperto nella terra.
Naturalmente, questo è stato fatto con molta attenzione.
Lo sporco e la sabbia si espansero, inghiottendo completamente la base che era stata costruita nella grotta sotterranea.
E così la roccaforte dell'oscura banda di banditi Dark Wolf era stata spazzata via.
"Allora, Elena-san," dissi alla ragazza che stava sostenendo il corpo di Teeth-san "Ho un messaggio per Teeth-san se non è già completamente a cosciente. Digli che ho detto che se lui fa di nuovo preoccupare stupidamente Elena-san, farò in modo di non lasciare nemmeno un capello nelle sue ceneri."
"Tu dici così, ma è stranamente realistico..." disse con un sorriso amaro, e poi il suo viso si fece serio non appena lei abbassò la testa.
"Lina-chan... Grazie. Davvero."
"Huh?"
I suoi occhi cominciavano a lacrimare.
...sentite,  questo tipo di apprezzamento formale è un po' imbarazzante.
"Oh, giusto, giusto. Prendi questo." distolsi subito gli occhi e consegnai un piccolo sacchetto di cuoio dalla tasca del seno. Al suo interno era pieno di monete d'oro.
"... Uh...?" Gli occhi di Elena-san si spalancarono.
"Congratulazioni. Per un nuovo inizio per entrambi. Beh, ho un pò tirato la tassa di commissione a vostro favore, però."
Per nascondere il mio imbarazzo parlai in fretta, senza fermarmi.
"Ma... Questo è così... Questo non va bene. Non è una perdita completa per te?"
"Va bene, va bene. Guardiamola in questo modo, io me ne sono tirata fuori abbastanza bene . E non importa quello che dici, se lo curerai costantemente per il tutto prossimo mese, avrai bisogno di soldi e varie. Ora, mi puoi fare un sorriso?
Lei rimase in silenzio e ancora una volta chinò la testa profondamente.
Hm. Sì, lei era solo timida.

***

Le voci sulla distruzione di Dark Wolf si diffusero in un lampo. I dettagli di queste voci li sentii più tardi, in una città dopo una decina di giorni al di fuori di Raurua.
I signori delle città che avevano avuto paura dei banditi fino a quel momento, iniziarono a concentrarsi sulla caccia ai restanti banditi. Il nascondiglio interrato era stato scavato, e la riserva dei tesori era stato "confiscato".
Naturalmente, i tesori che erano stati trovati erano solo una parte e le cose veramente preziose era finite da qualche altra parte, del tutto disperse.
Parlo come se fossi in attesa di vedere cosa salta fuori, ma bene, questo è quello le persone grandiosei.
Non ho sentito più parlare di quei due.
Se le cose si aggravassero al punto da fuoriuscire, non c'è dubbio alcune persone ne parleranno. Ma non c'erano voci del genere ...
Probabilmente sto facendo le cose troppo attentamente.
... ma Elena-san probabilmente non capirà nulla. Fino a quando ci incontreremo di nuovo, probabilmente perchè quei due saranno ancora assieme, mi chiedo dove andrò e cosa farò...
Dalla mia camera singola alla locanda, lasciai vorticare diversi pensieri. Tutto mentre smistavo i tesori che avevo rubato dal deposito segreto dei Dark Wolf.

Torna ai contenuti | Torna al menu